Skip to Content

"L'inconscio è il sociale. Desiderio e godimento nella contemporaneità" di Marisa Fiumanò

Segnaliamo il saggio di Marisa Fiumanò edito da Bruno Mondadori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il mito delle Danaidi, condannate da Giove a riempire perennemente una botte dal fondo bucato, è evocato da Lacan per definire la natura paradossale del godimento (jouissance), mai sufficiente a colmare il nostro corpo che ne è sempre alla ricerca. Il godimento ci attraversa incessantemente come un flusso inarrestabile. Come governarlo? Come arginare le sue derive, i suoi eccessi, la dipendenza da ciò che lo produce?

Con continuo riferimento alla lezione lacaniana, questo saggio esplora le difficoltà e le modalità del godimento nelle nostre società democratiche e liberali, egualitarie e individualiste, sessualmente disinibite. In realtà sofferenti, prive di legami identitari e di referenze simboliche, seppure attraversate da segnali di controtendenza.

Alla base dell’indagine si situa l’aforisma di Lacan che dà il titolo al libro: “l’inconscio è il sociale”. La logica del “discorso del capitalista” risulta insostenibile e abolisce il soggetto, affermava Lacan all’inizio degli anni settanta, e alla fine non può che produrre degli anticorpi. La psicanalisi è l’anticorpo per eccellenza, perché sostiene la centralità del soggetto, il suo desiderio e un legame sociale che sia con essi compatibile.